Rita Anna & Emil

Classico Giappone

Dicono che il Giappone è nato da una spada. Dicono che gli antichi dei hanno immerso una lama di corallo nell’oceano e che, al momento di estrarla, quattro gocce perfette siano cadute nel mare e che quelle gocce sono diventate le isole del Giappone. Io dico, che il Giappone è stato creato da una manciata di uomini coraggiosi, guerrieri disposti a dare la vita per quella che sembra ormai una parola dimenticata: onore.
(dal film L’ultimo Samurai)

Il viaggio di Rita ed Emil , parte da Tokyo, capitale del Giappone, con i suoi 13 milioni abitanti si conferma la metropoli più popolata dell’ intero Paese ed è una delle principali città del mondo. La sua storia ha origini antiche che risalgono al lontano 1603, quando Tokugawa Ieyasu instaurò il governo feudale (shogunato) da cui ebbe inizio un prospero sviluppo. Al tempo, Tokyo veniva chiamata Edo.  Per Emil  amante dell’elettronica, dei manga e di tutte le cose più strambe provenienti dal Giappone, non puo’ decisamente mancare una visita al pazzesco quartiere di Akihabara, regno dell’elettronica e del mondo otaku. Conosciuta come Electric Town, qui  i nostri sposi potranno trovare di tutto, immancabile una visita a Yodobashi Akiba, negozio di elettronica immenso. Questo è anche il quartiere delle sale giochi, nonché dei famosi Maid Cafè, le caffetterie in cui sarete serviti dalle maid, ragazze con una divisa particolare di foggia vittoriana o francese, decorata con pizzi, che si occupano anche di intrattenere i clienti con giochi e canzoncine, tutto in pieno stile kawaii (carino e un po’ bambinesco). Potranno assistere ad un torneo di Sumo, ammirare la città dall’alto dall’Osservatorio del Tokyo Metropolitan Government Office, sito al 45° piano e totalmente gratuito, alla nuovissima Tokyo Skytree, inaugurata nel 2012, è la torre più alta della città con i suoi 634 metri, per una visuale a 360° sulla città,  visitare il Museo Nazionale di Tokyo, il Museo Ghibli e l’Edo Tokyo Museum o andare ad un Neko Caffe’ una caffetteria tematica, in cui l‘attrattiva principale sono i gatti (Neko in giapponese vuol dire gatto). In questi locali mentre si consuma il proprio caffè, bevanda o un piccolo pasto, è possibile giocare e osservare i gatti ospitati all’interno.

Dopo 4 intensi giorni a Tokyo , i nostri sposi ,  raggiungeranno con lo shinkansen, Kanazawa.  Un viaggio a Kanazawa è come tuffarsi per magia nel Giappone del periodo feudale. Le strade su cui si affacciano le case signorili, gli antichi quartieri del piacere, il castello e il magnifico giardino Kenrokuen, ne fanno una delle mete più affascinanti. Da Kanazawa raggiungeranno Takayama situato nel nord della provincia di Gifu, Takayama è un antico borgo feudale noto per le sue vecchie case di legno, allineate e uniformi in altezza, che conferiscono alle strade un aspetto di ordine e bellezza.

Proseguimento per Kyoto, è stata la capitale del Giappone per più di un migliaio di anni ed è divenuta, nel corso di questi secoli, la culla di gran parte di ciò che il paese ha prodotto di più elaborato nel campo delle arti, della cultura, della religione o delle idee. Visiteranno il famoso e tranquillo tempio dorato Kinkaku -Ji, il Santuario di Fujimi Inari un santuario shintoista, il tempio storicoKiyomizu-dera, Nara considerata la culla dell’arte, della letteratura e della cultura giapponese, il parco con i famosi cervi giapponesi ed infine Arashiyama, famosa per la foresta di bambù.

Da Kyoto i nostri sposi proseguiranno per Hiroshima, la “Città della Pace”, è la città più grande del Chugoku. Il bombardamento atomico del 6 agosto 1945 ha completamente distrutto tutti gli edifici nel centro della città, tranne quello che è ora conosciuto come la Cupola della bomba atomica di Hiroshima, oggi classificato patrimonio mondiale dall’Unesco come testimonianza delle devastazioni delle armi nucleari. Rita ed Emil poi raggiungeranno una zona del Giappone davvero poco conosciuta , Matsuyama  meta ambita per il suo castello e per Dogo-onsen, una fonte termale conosciuta e utilizzata da ben 3000 anni. Ma è anche una città importante nel mondo della letteratura giapponese, dato che vi hanno soggiornato Masaoka Shiki, il padre del moderno haiku, e il noto romanziere Natsume Soseki, quest’ultimo vi ha perfino ambientato la storia di uno fra i suoi più celebri romanzi, Botchan. Faranno tappa anche a Kurashiki, graziosa cittadina sul canale dell’entroterra , una placida città in cui le coppie passeggiano sotto salici pendenti. Questo e’ il Giappone che abbiamo voluto condividere con i nostri sposi.

Chi volesse contribuire al viaggio di Rita e Emil può effettuare un bonifico utilizzando le seguenti coordinate:

IBAN:          :  IT19L3608105138221558421560

Intestato a :  Rita Anna Lucreziano

causale       : Nozze Rita e Emil

Se volete lasciare i vostri auguri scrivete a patrizia@patandtravel.it